Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

L’energia e l’organizzazione sociale.

La disponibilità di energia, in modo specifico quella ottenuta dai combustibili fossili (carbone e petrolio), è stata alla base della rivoluzione industriale, che a sua volta è stata alla base della svolta tecnologica per la società; rendendo possibile, per la prima volta nel corso della storia, un miglioramento del tenore di vita anche per le persone più in basso nella scala sociale.



Verso la Bancarotta

-->
L’Italia ha l’Energia Elettrica piu’ cara del Mondo. Vediamo il perche’ di questo scandalo. Le Imprese e le Famiglie Italiane pagano le bollette di energia elettrica piu’ care al Mondo. Vediamo perche’.
a) L’Italia ha prezzi dell’energia elettrica costantemente superiori al resto d’Europa, in modo netto
b) La Capacita’ di Generazione e’ aumentata a dismisura nell’ultimo decennio (+60% della potenza installata)
c) I consumi di energia elettrica sono costanti o addirittura in leggera flessione


La demolizione selettiva per la tutela dell’ambiente

Ogni anno in Italia viene prodotta una quantità di rifiuti da costruzione e demolizione (C&D) addirittura doppia rispetto a quella già ingente dei rifiuti solidi urbani. Gran parte dei rifiuti da C&D vengono conferiti direttamente in discarica, senza tenere conto della possibilità di un loro riutilizzo o riciclaggio. L’opportunità di sfruttare una risorsa potenzialmente preziosa come questa non sfugge invece ad altri paesi europei, quali l’Olanda, l’Inghilterra o la Germania, dove la pratica della demolizione selettiva è diffusa e sta dando ottimi risultati.

E' possibile l'indipendenza energetica ?

La sopravvivenza dell’umanità dipende prevalentemente dal risparmio energetico e si dice ... dalle energie rinnovabili..
Una crescita “normale” dell’energia solare, eolica, idroelettrica, ai ritmi degli ultimi anni, sarebbe però a malapena sufficiente perché tutte le rinnovabili conservino la loro quota sul totale.
Bisogna  tenere presente che la popolazione cresce tra i 75 e gli 80 milioni di persone all’anno e per effetto dello sviluppo economico, “nei prossimi vent’anni due miliardi di persone passeranno da un reddito pro capite di diecimila dollari l’anno a uno compreso fra i dieci e i trentamila dollari”  

Conseguenza: entro il 2030 il consumo mondiale di energia elettrica sarà raddoppiato.



Se dovesse restare invariata la nostra dipendenza attuale dalle energie fossili, che è circa dell’85%, secondo le proiezioni dell’Ocse in quarant’anni aumenteranno del 50% le emissioni di CO2.
Resteremo comunque all’interno dello scenario Ocse: prevalentemente dipendenti da energie …