Passa ai contenuti principali

Il Popolo Sovrano Firma la Costituzione

Al Popolo Sovrano la Costituzione della Repubblica Italiana piace, perché è semplice, chiara e risponde all’idea di società che tutti abbiamo stampata nel cuore: accogliente e responsabile.

Ma i politici nelle Istituzioni non la attuano. Giornali e TV esorcizzano la sovranità popolare con termini dispregiativi, come sovranismo o populismo, mentre i legislatori calpestano i Principi Fondamentali emanando leggi
ingiuste, che li contraddicono in maniera eclatante.

Ci raccontano, ignoranti, che sarebbe superata ed avrebbe perso il suo valore, a favore di trattati internazionali incomprensibili e ingiusti, e di consuetudini che fanno comodo solo ai potenti.

Cos’è un popolo senza una legge riconosciuta giusta da tutti e per questo rispettata? Cosa diventa una comunità nazionale se i massimi rappresentanti nelle istituzioni sembrano avere più a cuore gli interessi dei mercati che
quelli dei nostri figli?
Non vediamo forse che, perso il rispetto della legge, ci stiamo rassegnando al predominio della forza e dell’inganno?

Da tempo, a causa di leggi elettorali chiaramente contrarie alla Costituzione, già più volte censurate dalla Corte Costituzionale, non abbiamo nelle Istituzioni dei veri rappresentanti.
Chiamiamo dunque tutti i cittadini italiani, oggi, qui, ad una risposta; ad una assunzione diretta di responsabilità, per chiedere di condividere un atto altamente simbolico, volto a restituire legittimità a quel Patto Sociale che deve
essere alla base di ogni pretesa di legalità e civiltà.
Lo facciamo chiarendo, senza mezzi termini, che ogni atto emanato da persone che occupano le Istituzioni che non sia rispettoso della lettera e dello spirito di quella Legge Fondamentale, non è altro che usurpazione illegittima: atto di violenza, che merita un’adeguata risposta.

Già con il numero zero della rivista abbiamo distribuito una copia della nostra legge fondativa, invitando tutti a conoscerla per non dimenticare, consapevoli che perfino la scuola e le università, purtroppo, sostanzialmente la
ignorano.
Qui, ora, lanciamo una campagna che invita i cittadini italiani ad apporre la propria controfirma in fondo al testo originale, quello già firmato il 12 dicembre del 1947 dal Presidente della Repubblica Enrico de Nicola, dal Presidente dell’Assemblea Costituente Umberto Terracini, del Presidente del Consiglio Alcide de Gasperi e del Guardasigilli Giuseppe Grassi.
Questa controfirma intende rappresentare la formale manifestazione di volontà dei detentori del potere legittimo, i cittadini sovrani, che ribadiscono la vigenza della Costituzione italiana quale modello socioeconomico ben definito, e quale legge indiscutibile ed irrinunciabile, certamente al di sopra di tutte le altre.
Le firme verranno consegnate al Presidente della Repubblica, al Presidente della Corte Costituzionale, ai Presidenti dei due rami del Parlamento, affinché ne informino ogni persona che operi a qualsiasi titolo nelle Istituzioni, per ricordare loro che sono umili servitori dell’unico vero Sovrano, il Popolo, e che il loro dovere è esclusivamente quello di attuare la Costituzione e difenderla contro ogni tentativo di manipolazione, interno o esterno alla Repubblica.

di Guido Grossi ed Enrico Cacciatori

Commenti

Post più visti

Leggete a chi vanno i miliardi della Bce. E vomitate!

Mi prenderei a sberle. Avevo un documento agghiacciante in scrivania e non l’ho aperto per mesi. Dentro c’è la verità su chi Mario Draghi sta veramente finanziando coi miliardi del Quantitative Easing (Qe) mentre storce il naso se Roma chiede 20 euro per gli abruzzesi in ipotermia, sfollati da mesi, con morti in casa e la vita devastata, o per mettere 11 euro in più nel Job Act infame di Renzi e Poletti.
Quando io gridavo a La7 “Criminali!” contro gli eurocrati, l’autore del programma, Alessandro Montanari, mi si avvinghiava alla giacca dietro le quinte e mi rampognava fino alla diarrea.
Quel genio di Oliviero Beha mi rampognò in diretta, è in video.
Ma voi leggete sotto, mentre pensate ai sofferenti d’Italia.
Bacinella del vomito a portata di mano, raccomando.

Il pdf in questione mi arrivò a fine ottobre via mail da Amsterdam, fonte autorevole oltre ogni dubbio.
M’ingannò, porcaputtana, il subject mail che era “Draghi finanzia il Climate Change”. Pensai, ok, ci arrivo, u…

Quando e perchè è iniziato il declino Italiano ?

Nel 1987 l’Italia entra nello Sme (Sistema monetario europeo) e il Pil passa dai 617 miliardi di dollari dell’anno precedente ai 1201 miliardi del 1991 (+94,6% contro il 64% della Francia, il 78,6% della Germania, l’87% della Gran Bretagna e il 34,5% degli Usa). Il saldo della bilancia commerciale è in attivo di 7 miliardi mentre la lira si rivaluta del +15,2% contro il dollaro e si svaluta del -8,6% contro il marco tedesco.

Tutto questo,  ha un suo apice e un suo termine coincidente con la nascita della Seconda Repubblica. La fredda legge dei numeri ci dice difatti che dal 31 dicembre del 1991 al 31 dicembre del 1995, solo quattro anni, la lira si svaluterà del -29,8% contro il marco tedesco e del -32,2% contro il dollaro Usa.
La difesa ad oltranza e insostenibile del cambio con la moneta teutonica e l’attacco finanziario speculativo condotto da George Soros costarono all’Italia la folle cifra di 91.000 miliardi di lire.
In questi quattro anni il Pil crescerà soltanto del 5,4% e sarà…

DE BENEDETTI E ROMANO PRODI, OVVERO: COME FARE UNA MONTAGNA DI SOLDI A SPESE DELLO STATO

La complicità tra Romano Prodi e Carlo De Benedetti inizia nel luglio 1982, quando Prodi viene nominato presidente dell'IRI, il più grande ente economico dello Stato, in casa del suo storico compare Carlo De Benedetti (proprietario del gruppo Repubblica ed Espresso e di altre 30 riviste/quotidiani/settimanali/mensili in tutta Italia), nel caso di Repubblica addirittura De Benedetti ne è l'unico editorialista, quindi gli articoli se li scrive persino lui stesso (pensa un pò che obiettività)!

L'attività di Prodi dal 1982 al 2007 è stata concentrata principalmente in un solo unico compito:
Svendere (o regalare) tutti gli enti pubblici dello Stato al suo alleato Carlo De Benedetti a un prezzo irrisorio con bandi truccati.
De Benedetti, dal canto suo, si è poi puntualmente affrettato a rivendere immediatamente tali società al loro reale valore di mercato (di solito 20 volte il loro prezzo d'acquisto) a gruppi stranieri (o addirittura allo Stato stesso, che li ri…