Passa ai contenuti principali

Il «bazooka» di Draghi nella trappola di Keynes

Politiche monetarie. Dov’è l’errore di Draghi? È la trappola di Keynes: l’acqua è tanta, ma il cavallo di bere non ne vuole sapere. Hai voglia di inondare le banche di soldi, se i salari sono troppo bassi, se la disoccupazione è alta, se le disuguaglianze aumentano, se gli investimenti pubblici languono.
È ormai empiricamente provato: politiche monetarie espansive non accompagnate da politiche fiscali dello stesso segno non risolvono i problemi economici innescati da una crisi o dal prolungarsi di un quadro di sostanziale stagnazione

Nell’era della moneta fiat (moneta legale, non coperta da riserve auree o di altri beni), creare denaro – dal nulla – non costa niente. Basta la volontà.
Così, di fronte ad un’economia europea che ristagna, con l’inflazione ferma al palo (intorno all’1%), Draghi ha pensato bene di impugnare nuovamente il bazooka.

Un altro giro di acquisti di titoli di stato per un valore di 20 miliardi al mese senza darsi alcun limite temporale.
Per le banche, una nuova boccata d’ossigeno: denaro fresco che contribuisce ad alleggerire il peso dei bond che hanno in pancia. Ma anche una garanzia per i governi, che potranno beneficiare di costi più bassi per il proprio servizio del debito.

E l’economia reale? Qui le cose si complicano.
Il primo programma d’acquisti, lanciato a marzo del 2015 (e protrattosi fino a tutto il 2018), si è tradotto in un’iniezione di liquidità nel sistema per un valore di oltre mille miliardi di euro. Un fiume di denaro.
Il bilancio per l’economia, tuttavia, è stato men che magro.
Lo dicono le stesse stime poste a giustificazione del nuovo programma che dovrebbe partire già dal prossimo mese di novembre. Riflessione: se dopo un’iniezione di mille miliardi siamo ancora fermi al punto di partenza, qualcosa non ha funzionato. E non basta evocare la guerra dei dazi e il rallentamento del commercio mondiale.

C’entrano solo per una parte. Evidentemente, il problema è endogeno e chiama in causa i nostri fondamentali macroeconomici.
Alla base della scelta della Bce, come conferma anche il mantenimento di tassi negativi sui depositi (le banche, anziché trarne profitto, pagano per tenere i soldi parcheggiati presso la Bce), c’è l’idea che il rilancio dell’economia passi da una maggiore propensione al credito da parte delle banche.

Quindi, più liquidità (il piano prevede anche un’estensione temporale dei prestiti a tasso agevolato per le banche) e disincentivo a tenere fermi i denari nei forzieri di Eurotower.

Dov’è l’errore?
Nel trascurare i problemi derivanti da una domanda aggregata che rimane troppo debole. È la trappola di Keynes: l’acqua è tanta, ma il cavallo di bere non ne vuole sapere.
Hai voglia di inondare le banche di soldi, se i salari sono troppo bassi, se la disoccupazione è alta, se le disuguaglianze aumentano, se gli investimenti pubblici languono.

È ormai empiricamente provato: politiche monetarie espansive non accompagnate da politiche fiscali dello stesso segno non risolvono i problemi economici innescati da una crisi o dal prolungarsi di un quadro di sostanziale stagnazione.

Torna la questione dell’insostenibilità della filosofia del rigore che sta alla base delle regole di bilancio europee. Nei giorni scorsi, parlando al Forum Ambrosetti a Cernobbio, il vicepresidente della Bce Luis de Guindos ha dichiarato: «Chi ha spazi fiscali li usi». E chi non ce li ha?
Un’uscita infelice, a ben vedere. Piuttosto sarebbe il caso di riflettere non solo sull’allentamento del patto di stabilità (pare che finalmente la questione sia sul tavolo della nuova Commissione), ma anche su una diversa incanalazione del denaro di banca centrale, per sostenere politiche di investimento e per centrare l’obiettivo della piena (e buona) occupazione.
nnn
C’è bisogno della politica, insomma. Il «ci pensa Draghi» (o chi verrà dopo di lui) non è più accettabile visti i limiti, oggettivi, di una politica monetaria del tutto autonoma dalla rappresentanza democratica, slegata dall’azione e dalla visione dei governi. Solo il coordinamento tra autorità monetaria e autorità di bilancio può produrre un’inversione di rotta.

Commenti

Post più visti

Quando e perchè è iniziato il declino Italiano ?

Nel 1987 l’Italia entra nello Sme (Sistema monetario europeo) e il Pil passa dai 617 miliardi di dollari dell’anno precedente ai 1201 miliardi del 1991 (+94,6% contro il 64% della Francia, il 78,6% della Germania, l’87% della Gran Bretagna e il 34,5% degli Usa). Il saldo della bilancia commerciale è in attivo di 7 miliardi mentre la lira si rivaluta del +15,2% contro il dollaro e si svaluta del -8,6% contro il marco tedesco.

Tutto questo,  ha un suo apice e un suo termine coincidente con la nascita della Seconda Repubblica. La fredda legge dei numeri ci dice difatti che dal 31 dicembre del 1991 al 31 dicembre del 1995, solo quattro anni, la lira si svaluterà del -29,8% contro il marco tedesco e del -32,2% contro il dollaro Usa.
La difesa ad oltranza e insostenibile del cambio con la moneta teutonica e l’attacco finanziario speculativo condotto da George Soros costarono all’Italia la folle cifra di 91.000 miliardi di lire.
In questi quattro anni il Pil crescerà soltanto del 5,4% e sarà…

Perché il Governo italiano non ha (ancora) costituito una banca pubblica ?

Una domanda che ci si pone da qualche tempo è perché il Governo italiano non abbia (ancora) costituito una banca pubblica, o meglio una rete di banche pubbliche. E’ una domanda che meriterebbe una risposta che qui non è possibile dare. E’ vero che lo Stato italiano possiede l’85% della proprietà di Cassa Depositi e Prestiti, ma CDP non è una banca pubblica nel senso vero del termine. E’ una società per azioni che eroga finanziamenti allo Stato, agli enti pubblici e alle imprese, ma non è certo sufficiente per definirla banca pubblica, soprattutto perché non è soggetta ad alcun regime pubblicistico. Eppure, i trattati UE non impediscono a uno Stato membro di possedere delle banche, né di utilizzarle, entro certi limiti, per erogare il credito ai privati e per finanziare il debito pubblico. 
Infatti, le banche pubbliche godono di un regime eccezionale proprio sul punto. Vediamo che dice l’art. 123 TFUE:

Sono vietati la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra form…

La distruzione del patrimonio pubblico italiano. Le responsabilità dei nostri governanti.

Dopo l’assassinio di Aldo Moro, i nostri governanti, divenuti vittime del neoliberismo, pensiero unico dominante, hanno fatto di tutto per togliere al Popolo il proprio patrimonio pubblico (la “proprietà pubblica”,di cui all’art. 42 Cost., comma 1, primo alinea), dimenticando che, come un individuo non può fare nulla se non ha un suo piccolo patrimonio, così un “Popolo”, e cioè, come diceva il Pugliatti, un “Soggetto plurimo”, non può fare nulla se è privato del “patrimonio pubblico”. 
Questo fine perverso è stato perseguito su due piani: quello “finanziario” e quello puramente “economico”.

Sul piano finanziario, c’è stato l’adeguamento dell’Italia al sistema globale della “finanziarizzazione” dei mercati. 
Si è, in altri termini, dato per legge valore di “moneta” a dei semplici “prodotti finanziari” tossici per l’economia perché di non sicura realizzazione. I “prodotti finanziari” sono stati molti e di diverse specie, ma tutti inficiati dall’incertezza del perseguimento dell…