Passa ai contenuti principali

Contro il riciclaggio

Il riciclaggio fa parte di un insidioso gioco di prestigio che ha riformulato il nostro crescente problema dei rifiuti come non un eccesso di impresa, ma di scelte irresponsabili dei consumatori e stili di vita individuali.

All'inizio di questo mese, il New York Times ha pubblicato un video che ha debunking correttamente "The Great Recycling Con". 


Secondo il Times, l'industria delle materie plastiche ha venduto a generazioni di consumatori una menzogna sulla quantità di rifiuti che potrebbero essere riciclati al fine di creare la falsa possibilità di un consumo ecologico e privo di sensi di colpa.


Il vero "Great Recycling Con" corre molto più in profondità di quanto si pensi su quali prodotti possono e non possono essere riciclati; è una battaglia politica in corso condotta da società produttrici di rifiuti contro il pubblico per eludere la regolamentazione, spostare la responsabilità della distruzione ambientale sui consumatori e proteggere il modello economico ecocida e altamente redditizio che è alla base del capitalismo industriale.

Prosperità usa e getta
Dopo la seconda guerra mondiale, gli americani hanno cercato di lasciarsi alle spalle l'austerità della guerra e hanno abbracciato con entusiasmo il consumo di massa.
Abbiamo raddoppiato le cene televisive , le bibite in bottiglia, le nuove auto e molte altre cose.
Era un indicatore che separava l'America dalla scala di grigi, scaffali vuoti di generi alimentari che associavamo all'Unione Sovietica.
Il consumo di massa era una scelta; era la libertà.
Nel 1959, Richard Nixon volò a Mosca per sfoggiare personalmente le possibilità del consumismo americano a Nikita Krusciov, nel famigerato dibattito sulla cucina.
Man mano che il consumo di prodotti veniva sempre più legato al sogno americano, l'industria ha colto l'etica dell'eccesso per vendere sempre più cose per ottenere sempre più profitti. 

Vance Packard, giornalista profetico e sociologo, ha criticato la pubblicità come una industria e una strategia guidata da "persuasori" che hanno fatto leva sulle vulnerabilità dei consumatori per vendere sempre di più il proprio prodotto, promettendo uno stato sociale e una realizzazione.

Nel 1960, Packard pubblicò The Waste Makers, richiamando l'attenzione su una serie di pratiche di produzione di rifiuti da parte delle aziende, in particolare il concetto di obsolescenza pianificata. 

Secondo Packard, i produttori "progettano intenzionalmente i tassi di mortalità in prodotti", creando una bomba a orologeria sempre più corta di rifiuti, in modo che i consumatori non abbiano altra scelta che acquistare di più e acquistare di nuovo.

I profitti delle imprese salirono vertiginosamente e una nuova industria di prodotti usa e getta, basata sul concetto stesso di rifiuto, cambiò radicalmente la vita e l'economia aziendale americana.

Saltiamo avanti di qualche anno fino al 1967 e il futuro diventa la "plastica".

"Keep America Beautiful"
Ma nell'età d'oro del consumismo, l'America corporativa era impegnata a evitare una serie di minacce. 
Negli anni '60, il movimento controcultura ha sfidato una serie di norme sociali prevalenti, inclusi gli status symbol di possedere un sacco di cose.
Ma oltre alla più grande battaglia culturale, i dirigenti aziendali stavano anche conducendo una battaglia politico-economica contro un primo movimento operaio-ambientalista che minacciava di guardare dietro il sipario del modello redditizio del consumismo postbellico e forse di regolare le pratiche ecologicamente distruttive 

 Anticipando norme simili in tutto il paese e temendo una coalizione lavoro-ambientalista che sfidava le loro pratiche di produzione e vendita di prodotti che si trasformavano rapidamente in rifiuti, le grandi società  hanno risposto con una serie di campagne di "greenwashing" per far deragliare ambientalisti e lavoro.
Tra questi, quello stesso anno, come osserva Rogers, l'American Can Company e la Owens-Illinois Glass Company reclutarono una serie di altre società specializzate in prodotti usa e getta, tra cui Coca-Cola, Richfield Oil Corporation e Dixie Cup Company, per formare Keep America Beautiful, un'entità pseudo-ambientalista senza scopo di lucro che ha sposato l'amministrazione ambientale come una virtù civica.

Attingendo alle nozioni di "buona cittadinanza" e inventando il concetto di sporcare come un peccato letterale contro la natura, il gruppo ha usato i simboli della virtù bianca e borghese, la più famosa Susan Spotless, e ha attinto allo stereotipo del Nobile Indiano, versando una sola lacrima per ciò che è implicito come una continuazione del genocidio indigeno guidata dal consumatore, per spostare la responsabilità della gestione dei rifiuti dalle aziende ai consumatori. 

"Le persone producono "inquinamento", Keep America Beautiful direbbe agli americani, "le persone possono fermarlo".

E le campagne di propaganda del gruppo ha funzionato.  
Nei sei anni successivi alla loro prima importante partnership pubblicitaria con il Consiglio pubblicitario, la percentuale di bevande gassate vendute in imballaggi usa e getta è quadruplicata, dal 3 al 12 percento. 
Dieci anni dopo, era vicino al 70 percento.

Piuttosto che limitare la propria produzione di materiali usa e getta e perdere i propri profitti, è stato creato un gioco di prestigio che ha ridefinito il crescente problema degli sprechi in America non a causa dell'eccesso aziendale, ma delle scelte irresponsabili dei consumatori e degli stili di vita individuali.

Sedici anni dopo, dopo aver sconfitto un rinnovo della legge del Vermont nel 1957 e aver approvato le ordinanze anti-lettiere in tutto il paese, Keep America Beautiful ha creato un gruppo per sostenere una nuova forma di gestione individuale dei rifiuti di massa: il riciclaggio. 


Un'alternativa alla "riduzione" o al "riutilizzo", i giganti del settore hanno rapidamente adottato la pratica, che ha consentito ai clienti di continuare ad acquistare, ora senza sensi di colpa, e le aziende di continuare a eludere il controllo dei regolatori o la colpa degli ambientalisti. 

Il gruppo ha investito denaro aziendale nel riciclaggio di ricerca e sviluppo, aprendo strutture in tutto il paese per presentare ai comuni e ai consumatori americani la nuova forma di gestione dei rifiuti a misura di impresa.

Keep America Beautiful esiste ancora, e con altre organizzazioni no-profit anti-riciclaggio e pro-riciclaggio finanziate dall'industria, continua a distogliere l'attenzione del pubblico dalle normative aziendali e verso la pratica del riciclaggio individuale. 

Secondo quanto riferito dall'Intercept, il braccio filantropico della Coca-Cola ha donato oltre $ 600.000, considerati un dono di beneficenza deducibile dalle tasse, a uno di questi gruppi, il Recycling Partnership, nel 2017. 
Il gruppo non solo sovrasta la popolarità del riciclaggio, ma, secondo un esperto , continua a sopravvalutare i benefici ecologici e le possibilità di riciclaggio stesso.

La tragedia del Grande Riciclaggio Con non è solo che le corporazioni si sono sbarazzate dell'omicidio planetario e hanno speso i costi per ripulire il disordine sui consumatori. A questo punto, non si tratta affatto di un'equa distribuzione del lavoro. È una questione di sopravvivenza.

Il riciclaggio individuale da solo non è semplicemente sufficiente per salvare il pianeta. 


Perfino i più diligenti e attenti ai riciclatori, i moderni Susan Spotlesses, affrontano ostacoli strutturali per ridurre al minimo la loro impronta di rifiuti. 
E anche se fossimo tutti Susan Spotlesses e i sistemi di riciclaggio funzionassero perfettamente, i mezzi di produzione del capitalismo industriale americano continueranno a generare una scorta infinita di rifiuti nel processo di produzione.


Commenti

Post più visti

Quando e perchè è iniziato il declino Italiano ?

Nel 1987 l’Italia entra nello Sme (Sistema monetario europeo) e il Pil passa dai 617 miliardi di dollari dell’anno precedente ai 1201 miliardi del 1991 (+94,6% contro il 64% della Francia, il 78,6% della Germania, l’87% della Gran Bretagna e il 34,5% degli Usa). Il saldo della bilancia commerciale è in attivo di 7 miliardi mentre la lira si rivaluta del +15,2% contro il dollaro e si svaluta del -8,6% contro il marco tedesco.

Tutto questo,  ha un suo apice e un suo termine coincidente con la nascita della Seconda Repubblica. La fredda legge dei numeri ci dice difatti che dal 31 dicembre del 1991 al 31 dicembre del 1995, solo quattro anni, la lira si svaluterà del -29,8% contro il marco tedesco e del -32,2% contro il dollaro Usa.
La difesa ad oltranza e insostenibile del cambio con la moneta teutonica e l’attacco finanziario speculativo condotto da George Soros costarono all’Italia la folle cifra di 91.000 miliardi di lire.
In questi quattro anni il Pil crescerà soltanto del 5,4% e sarà…

DE BENEDETTI E ROMANO PRODI, OVVERO: COME FARE UNA MONTAGNA DI SOLDI A SPESE DELLO STATO

La complicità tra Romano Prodi e Carlo De Benedetti inizia nel luglio 1982, quando Prodi viene nominato presidente dell'IRI, il più grande ente economico dello Stato, in casa del suo storico compare Carlo De Benedetti (proprietario del gruppo Repubblica ed Espresso e di altre 30 riviste/quotidiani/settimanali/mensili in tutta Italia), nel caso di Repubblica addirittura De Benedetti ne è l'unico editorialista, quindi gli articoli se li scrive persino lui stesso (pensa un pò che obiettività)!

L'attività di Prodi dal 1982 al 2007 è stata concentrata principalmente in un solo unico compito:
Svendere (o regalare) tutti gli enti pubblici dello Stato al suo alleato Carlo De Benedetti a un prezzo irrisorio con bandi truccati.
De Benedetti, dal canto suo, si è poi puntualmente affrettato a rivendere immediatamente tali società al loro reale valore di mercato (di solito 20 volte il loro prezzo d'acquisto) a gruppi stranieri (o addirittura allo Stato stesso, che li ri…

Perché il Governo italiano non ha (ancora) costituito una banca pubblica ?

Una domanda che ci si pone da qualche tempo è perché il Governo italiano non abbia (ancora) costituito una banca pubblica, o meglio una rete di banche pubbliche. E’ una domanda che meriterebbe una risposta che qui non è possibile dare. E’ vero che lo Stato italiano possiede l’85% della proprietà di Cassa Depositi e Prestiti, ma CDP non è una banca pubblica nel senso vero del termine. E’ una società per azioni che eroga finanziamenti allo Stato, agli enti pubblici e alle imprese, ma non è certo sufficiente per definirla banca pubblica, soprattutto perché non è soggetta ad alcun regime pubblicistico. Eppure, i trattati UE non impediscono a uno Stato membro di possedere delle banche, né di utilizzarle, entro certi limiti, per erogare il credito ai privati e per finanziare il debito pubblico. 
Infatti, le banche pubbliche godono di un regime eccezionale proprio sul punto. Vediamo che dice l’art. 123 TFUE:

Sono vietati la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra form…